giovedì, Luglio 25

Fatti mandare dall’evoluzione a bere il latte

Fino  a qualche anno  fa  si sono fatte supposizioni troppo lineari sugli schemi migratori, con diffusioni a ondate successive, quando invece il quadro emerso negli ultimissimi anni ci dice piuttosto che per tutto il tempo ci siamo spostati in ogni direzione, mescolando i nostri geni in una serie di ingarbugliati intrecci, molto diversi da un movimento  netto, progressivo e definito.

Se gli  oceani hanno  costituito una barriera difficilmente valicabile gli immensi spazi aperti che collegavano l’Africa al Medio Oriente e da qui ad ovest verso  l’Europa ed a Est, attraverso l’Asia  fino  alle  Americhe hanno permesso piccoli  flussi migratori costanti ed imprevedibili.

 Il  Dna ci  aiuta a ricostruire  la storia di  queste migrazioni e collocarla correttamente anche con tutte le sue,   a volte impensabili,  varianti, di più ci  permette anche di gettare un’occhiata  sul  comportamento e lo stile di vita, anche alimentare  dei nostri progenitori.

E’ il  caso,  ad  esempio, del latte.  Siamo gli unici mammiferi che bevono latte oltre  lo svezzamento dei loro piccoli. Ma le stranezze non finiscono qui. In Occidente ed in alcune piccole  comunità africane  e del Medio Oriente continuiamo a bere latte a tutte le età. 

Oggi la maggior parte degli umani adulti – e, nella storia, quasi l’intera umanità – il latte non riesce nemmeno a digerirlo. Tutti noi possediamo un enzima chiamato lattasi, codificato da un gene noto come LCT, il cui unico compito è quello di digerire il latte. Per  gran parte della nostra storia la  lattasi è rimasta attiva soltanto  nei neonati. Terminato lo svezzamento la  lattasi subisce un drastico ridimensionamento che causa  quella che definiamo intolleranza al  lattosio con il conseguente  abbandono nella dieta di questo peculiare  alimento. 

L’assenza della lattasi, o una sua ridotta produzione, implica la mancata digestione del lattosio al livello dell’intestino tenue; il lattosio, perciò, arriva nel colon, dove incontra batteri che lo demoliscono e lo fanno fermentare, ed ecco che si forma il gas. Questo è la causa diretta del gonfiore e della flatulenza, ma l’aumento della pressione scatena anche la diarrea, e via dicendo.

 Questo è il motivo  per  cui la  maggioranza della  popolazione mondiale non beve  latte  in età  adulta. A meno di non essere europei. In questo caso l’attività  della lattasi continua  per  tutta la vita (ad eccezione degli  intolleranti che  però rappresentano una percentuale minima della popolazione europea).

Questa caratteristica degli europei dipende  da una mutazione del DNA nel gene della lattasi e intorno a esso. Può risultare strana una mutazione che non porta alcun vantaggio nella salute e quindi nella sopravvivenza dell’individuo,  è difficile comprendere quale vantaggio evoluzionistico potrebbe esserci nella persistenza della lattasi in assenza di una regolare disponibilità di latte fresco.

L’ipotesi più probabile di questa mutazione che ha dotato gli europei della  capacità di digerire  il latte anche da adulti e che nel vecchio  continente esistessero numerose comunità che praticavano attività di produzione di latte e latticini con bestie da latte addomesticate. Il vantaggio proveniente dall’avere sia disponibilità di latte, sia la capacità di digerirlo potrebbe essere stato il fattore scatenante di questa mutazione che ci differenzia da quasi tutto il resto della  popolazione mondiale.

6000 anni fa il latte faceva ormai parte della vita neolitica. Alcuni frammenti di vasellame recuperati durante alcuni scavi in Romania, Turchia e Ungheria hanno evidenziato la presenza  di resti di latte probabilmente conservato in questi manufatti.  Insomma l’evoluzione  si è piegata alla  disponibilità  di un alimento in una determinata regione anche a scapito della piena salute dei nostri progenitori,  fin tanto che la  mutazione  li ha messi in condizione di nutrirsi di latte  e derivati anche da adulti.  

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights