giovedì, Giugno 20

Ambiente e Clima

La Casa Drina: Il Rifugio Incantato Sospeso sulle Acque del Fiume
Ambiente e Clima, Turismo

La Casa Drina: Il Rifugio Incantato Sospeso sulle Acque del Fiume

Immaginate un angolo segreto, un santuario di tranquillità dove solo i suoni della natura fanno da colonna sonora ai vostri pensieri. Distante dal trambusto urbano, dai clacson assordanti e dal ritmo frenetico del quotidiano, vi è un luogo dove il tempo pare si sia arrestato. In Serbia, esiste una casa che sfida le convenzioni, ergendosi imponente su uno scoglio nel cuore del fiume Drina. Questo rifugio non è semplicemente una dimora, ma un invito all’esplorazione, un canto di libertà. Come nasce la Casa Drina? Nel 1968, un gruppo di amici alla ricerca di un angolo di quiete si imbatté in uno scoglio solitario lungo il fiume Drina. Era un luogo quasi magico, ma la sua superficie ruvida non offriva alcun conforto. Con spirito di iniziativa, portarono sulla riva delle assi...
I Cerchi delle Fate della Namibia: Enigmi del Deserto
Ambiente e Clima, Ambiente e Clima, Biologia, Miti e leggende, Scienza

I Cerchi delle Fate della Namibia: Enigmi del Deserto

I cerchi delle fate in Namibia, conosciuti anche come “fairy circles”, incarnano un fenomeno naturale carico di fascino e mistero. Al centro di leggende e speculazioni, questi enigmatici cerchi si stagliano nel paesaggio, evocando l’immagine di antiche danze arcane.  Prima osservazione sui cerchi delle fate, la flora e la fauna La scoperta di questi cerchi incantati risale all’incirca a mezzo secolo fa, quando si manifestarono per la prima volta nel deserto della Namibia. Da allora, hanno ispirato innumerevoli teorie scientifiche e curiose leggende. La rivelazione di questi cerchi delle fate ha sollevato questioni sulla loro origine e sui processi naturali che ne hanno determinato la formazione. In principio, costituivano un mistero che metteva alla prova la nostra comprensione:...
La Mano del Deserto: tra i capolavori del Cile
Ambiente e Clima, Arte, Uncategorized

La Mano del Deserto: tra i capolavori del Cile

Non si tratta di un miraggio, la Mano del Deserto (o Mano del Desierto) è una delle sculture più sorprendenti del mondo. Si tratta di un’imponente mano che emerge dal Deserto di Atacama, in Cile, come se volesse toccare il cielo. Si trova in uno dei luoghi più aridi e remoti della terra, a circa 70 km a sud-est della città di Antofagasta. Cos’è la Mano del Deserto? Realizzata nel 1992 dallo scultore cileno Mario Irarrázabal, la Mano del Deserto enfatizza la vulnerabilità, la solitudine e l’impotenza dell’uomo di fronte alle ingiustizie e alle sofferenze del mondo. Questa imponente scultura di 11 metri di altezza, realizzata in ferro e cemento, emerge in maniera suggestiva dalle sabbie del deserto, dominando l’intera valle circostante. Grazie ai materiali resistenti può sopportar...
Tappi di plastica che non si staccano dalle bottiglie
Ambiente e Clima, Scienza

Tappi di plastica che non si staccano dalle bottiglie

Tappi di plastica che non si staccano dalle bottiglie. Nel 2024 entrerà in vigore la Direttiva UE. Questa prevede che tutte le bottiglie in PET abbiano i cosiddetti tethered cap. Cerchiamo di capire cosa sono e il perché di questa scelta. In passato è stato già utilizzato questo principio, in cui le protagoniste furono le linguette delle lattine. I consumatori, infatti, avevano la brutta abitudine di gettarle in terra una volta aperte le lattine. Fu così che nel 1989 una legge statunitense, che fu poi adottata in tutto il mondo, con la globalizzazione del mercato delle bevande, introdusse le linguette “a scomparsa”. Un altro prodotto che fu soggetto a restrizioni furono i six-pack, gli anelli di plastica che tenevano insieme le lattine nelle confezioni da sei. I six-pack sono divenu...
Scenari  apocalittici: se  la Terra smettesse di ruotare
Ambiente e Clima, Scienza

Scenari apocalittici: se la Terra smettesse di ruotare

Noi non ne avvertiamo alcun effetto ma Il nostro pianeta intorno all’equatore gira su se stesso a circa 2.000 km orari. Il moto di rotazione che si compie in circa 24 ore provoca l'alternarsi del giorno e della notte, lo schiacciamento dei poli e l'effetto coriolis che ha un ruolo molto importante nella dinamica atmosferica e sulla meteorologia, poiché influisce sui venti, sulla formazione e rotazione delle tempeste, così come sulla direzione delle correnti oceaniche. Uno scenario apocalittico Cosa accadrebbe se la Terra smettesse di girare e l’aria no? Lo scenario apocalittico che si presenterebbe sarebbe caratterizzato dall'istantaneo sollevamento di venti supersonici che sfiorerebbero i 2.000 km orari. Tutto quello che si trova tra i 41° nord di latitudine e i 41° sud, ovv...
Verified by MonsterInsights