sabato, Luglio 20

Medioevo

L’infanzia nel Medioevo: un “avventura”pericolosa
Medioevo, Storia

L’infanzia nel Medioevo: un “avventura”pericolosa

Non ci stancheremo mai di ripetere che i dieci secoli che convenzionalmente indichiamo come Medioevo si riferiscono a società, organizzazioni statali, condizioni socio-economiche, culturali e tecnico scientifiche profondamente diverse le une dalle altre. Questa premessa è doverosa quando si affrontano temi per così dire “generali” e quindi soggetti a profonde evoluzioni nel corso della lunga Età di Mezzo, come nel caso dell'infanzia nel Medioevo. La mortalità infantile Per rimanere quindi all’argomento di questo articolo, nascere nell’Alto Medioevo era un fatto drammaticamente incerto e pericoloso. La mortalità infantile era spaventosa e se si sopravviveva al parto, le possibilità di morire nei primissimi anni di vita era altissima. Secondo alcuni storici almeno un bambino su t...
Le armi dei guerrieri Longobardi
Medioevo, Storia

Le armi dei guerrieri Longobardi

Le cosiddette migrazioni barbariche non riguardavano alcune migliaia di predoni ma interi popoli. I guerrieri erano accompagnati da mogli, bambini, anziani e ingenti salmerie oltre ad armenti e altri animali. Quando nel 568 i Longobardi varcarono le Alpi Giulie e sciamarono di fatto indisturbati nella pianura padana, secondo alcune stime attendibili, erano tra i 150.000 e i 180.000 individui, con al seguito anche contingenti di altre popolazioni come i Sassoni che si erano uniti a loro, durante la loro lunga migrazione dal Nord Europa. Lo scramasax I longobardi erano un popolo guerriero che non ebbe difficoltà a conquistare il Nord Italia praticamente indifeso. Ma com’erano armati questi minacciosi guerrieri? Quasi tutti gli uomini abili erano armati fino ai denti. L’arma prin...
Il legname nell’economia medievale
Medioevo, Storia

Il legname nell’economia medievale

Per tutto il Medioevo il legno costituì una delle fonti principali di energia. Si calcola il legname rappresentasse la metà dell’energia prodotta, il resto proveniva dal lavoro muscolare umano, dagli animali e dai mulini ad acqua e a vento. Il legname costituiva inoltre la materia prima principale per la costruzione di case, manufatti e macchinari, oltre che per i mezzi di trasporto quali imbarcazioni e carri. Persino gli ingranaggi erano prevalentemente costituiti da legno in quanto il metallo era raro e costoso. Una nuova deforestazione Dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente la natura aveva ripreso i suoi spazi (i romani infatti avevano giocato un ruolo decisivo nella deforestazione europea). L'Alto Medioevo, in Europa, è contrassegnato da foreste e boschi...
Ghino  di Tacco, il  nobile  brigante
Medioevo, Personaggi, Storia

Ghino di Tacco, il nobile brigante

Per gran parte del Medioevo imbattersi in banditi e fuorilegge era tutt’altro che cosa rara. Le strade, soprattutto in lontananza dai centri urbani più grandi, si rivelavano insidiose e dense di pericoli tanto che quando era possibile si preferiva viaggiare in gruppo e per i più fortunati (e potenti) sotto scorta. La mancanza di un forte potere centrale favoriva il proliferare di banditi che trovano nei boschi non soltanto il loro naturale rifugio ma anche la base per incursioni e razzie. I briganti medievali Arrestarli – e punirli – era quasi impossibile: o li si coglieva sul fatto oppure si doveva sperare nella delazione di qualche seguace. L’estrema difficoltà di reprimere questo fenomeno si capisce anche dal ricorso a bizzarri riti “magici”&n...
Il mondo nell’anno  Mille
Medioevo, Storia

Il mondo nell’anno Mille

Per troppo tempo, soprattutto nell’emisfero occidentale cristiano si è considerato il periodo intorno all'anno Mille della storia dell’umanità come un tempo buio, declinante, afflitto da ansie millenaristiche. In realtà questa descrizione è soltanto parzialmente vera e certamente non riguarda altre aree del pianeta come l’impero cinese o l’Islam globale. Quale era la situazione del mondo intorno all’XI secolo dell’era cristiana? La popolazione Partiamo dalla situazione demografica precisando subito che si tratta di stime, in alcuni casi abbastanza attendibili, in altre frutto di ardite supposizioni giacché nessuno è in grado di stabilire l’effettiva popolazione mondiale di quell’epoca. Nella più ottimistica delle stime la Terra è abitata da meno di 300 milioni di i...
Il Manoscritto di Voynich e il suo codice nascosto
Medioevo, Storia

Il Manoscritto di Voynich e il suo codice nascosto

Il Manoscritto di Voynich è un misterioso libro illustrato del XV secolo, celebre per il suo contenuto criptico, composto da testi in un linguaggio sconosciuto e da illustrazioni di piante non riconoscibili. La scrittura utilizzata non trova corrispondenze in alcun alfabeto noto. Il suo contenuto rimane un profondo mistero, che continua a sfidare gli esperti e a stimolare la curiosità di chi cerca di svelarne i segreti. Ipotesi sulla provenienza del manoscritto e il suo contenuto Inizialmente si credeva che il Manoscritto di Voynich fosse stato redatto dal monaco inglese Ruggero Bacone, vissuto nel XIII secolo. Tuttavia, le analisi di datazione al radiocarbonio dimostrano che il manoscritto è stato realizzato in un periodo successivo, precisamente tra il 1404 e il 1438. Alcune t...
L’Ordine dei Trinitari
Medioevo, Storia

L’Ordine dei Trinitari

La storia del cristianesimo è piena di ordini religiosi che dal IV secolo sono fioriti ininterrottamente fino al XVI secolo. Un ordine religioso è un istituto religioso di antica tradizione i cui membri emettono i voti religiosi in forma solenne. Ogni ordine religioso è caratterizzato, fra l'altro, da un proprio abito che viene indossato dai confratelli. Ordini monastici, regolari, mendicanti, regolari, tutti con una propria funzione primaria, delle regole codificate, un abito specifico. In questo articolo ci occuperemo, brevemente, di uno di questi ordini, che svolse per secoli una funzione molto delicata: l'Ordine della Santissima Trinità, meglio conosciuto come Ordine dei Trinitari. Il fondatore La nascita di questo Ordine è legata ad una visione avuta da Jean de Math...
La Pergamena Bianca: una leggenda medievale
Medioevo, Miti, leggende e misteri, Storia

La Pergamena Bianca: una leggenda medievale

In Italia, ci sono molti oggetti che sfidano la logica e la ragione, considerati misteriosi e di cui non si conosce la vera funzione. Uno di questi è la Pergamena Bianca di Cava de’ Tirreni, una leggenda medievale che affascina e incuriosisce da secoli. Si tratta di una pergamena che, secondo la tradizione, ha il potere di esaudire i desideri di chi la possiede. La storia della misteriosa Pergamena Bianca La Pergamena Bianca viene conservata negli archivi del palazzo a Cava de’Tirreni, in provincia di Salerno. Si tratta di un documento datato al 4 settembre 1460, firmato e siglato. Ma la cosa più sorprendente è che la pergamena è completamente bianca, senza alcuna scrittura. Come mai? Qual è il significato di questo enigma storico? Nel 1459, Giovanni d’Angiò, inviato dal Re d...
Vita di uno studente universitario medievale
Medioevo, Storia

Vita di uno studente universitario medievale

La maggioranza di coloro che possono seguire un percorso formativo dopo le scuole dei canonici o dei collegi smettono di studiare e si avviano verso la professione dei loro padri o percorrono strade personali. Quelli che vogliono diventare chierici oppure scelgono la “politica” come campo di attività vanno all’università. I primi atenei (a Bologna, Parigi, Montpellier e Oxford) compaiono all’inizio del Duecento. In Europa, ne esistono una decina già nel 1300 e per la fine del secolo sono già una sessantina. Nel XV secolo l’università di Parigi conta circa 4.000 studenti, mentre quella di Oxford sfiora i 1700 discenti e Cambridge si attesta intorno ai 1300. Le principali “facoltà” universitarie Tre sono le discipline che di fatto monopolizzano la nasce...
Il gusto dell’uomo medievale
Food, Medioevo, Storia

Il gusto dell’uomo medievale

Capita abbastanza frequentemente che durante feste, sagre e persino in certi ristoranti si propongano piatti della cucina medievale, quasi a dimostrare che esiste una sorta di continuità nella tradizione gastronomica di un determinato paese o territorio. In realtà le strutture del gusto della cucina medievale e quelle contemporanee sono molto diverse e difficilmente troveremmo appetitose diverse preparazioni della cucina dell'Età di Mezzo. Come possiamo affermare ciò, se il sapore, esperienza sensoriale del tutto individuale, è andata perso? Possiamo ricostruire le origini e l'essenza della cucina medievale, dalla struttura del gusto, espressione coniata, da un grande studioso della cucina Jean-Louis Flandrin, definizione che indica il carattere condiviso e "collettivo" d...
Verified by MonsterInsights