giovedì, Febbraio 22

Personaggi

Addio ad Alfredo Castelli
Fumetti, Personaggi

Addio ad Alfredo Castelli

Il 7 febbraio si è spento all'età di 76 anni, Alfredo Castelli, uno dei padri "nobili" del fumetto italiano. Autore versatile, colto, ironico ha attraversato per oltre cinquanta anni il mondo delle "nuvole parlanti" (e non soltanto) lasciando un'eredità straordinaria e un vuoto difficilmente colmabile. Nato a Milano il 26 giugno 1947, Castelli era entrato nel mondo del fumetto già nel 1965, scrivendo e disegnando le avventure di Scheletrino, pubblicate in appendice a "Diabolik". Ben presto si accorge che il disegno è la parte meno ispirata del suo talento e si concentra esclusivamente sulla scrittura. Nel 1971 inizia a collaborare con la Sergio Bonelli Editore, formando un sodalizio che durerà fino agli ultimi giorni di vita. Il personaggio che lo ha reso un fuor...
Storia di una foto e di un uomo che hanno fatto epoca
Personaggi, Storia

Storia di una foto e di un uomo che hanno fatto epoca

Ci sono foto che per la loro drammatica potenza evocativa segnano un punto di rottura nelle coscienze delle persone. Scoperchiano davanti ai nostri occhi distratti eventi crudeli, piaghe che affliggono questo martoriato pianeta e nello stesso tempo rivelano tutta la forza e la fragilità di chi le ha scattate. Questa è la storia di una di queste foto. Un giovane idealista Ma partiamo da colui che scatterà la foto oggetto di questo articolo: Kevin Carter. Carter nasce a Johannesburg in Sudafrica, il 13 settembre 1960, da una famiglia di origini inglesi, che era fortemente contraria alle leggi dell’apartheid imposte dallo Stato sudafricano dal 1948, dove la minoranza bianca deteneva tutto il potere politico ed economico, attuando un regime basato sulla seg...
Le misconosciute donne  della NASA
Personaggi, Scienza, Storia della scienza e della filosofia

Le misconosciute donne della NASA

Per molti anni, dal 1943 a gran parte degli anni Cinquanta, la NACA che dal 29 luglio 1958 diverrà la NASA utilizzò dei computer umani per lo sviluppo del programma spaziale. Si trattava in gran parte di donne di colore che facevano e rifacevano calcoli di ogni tipo in modo che fisici, matematici e ingegneri potessero dedicarsi ad altro, ottimizzando i tempi di lavoro. Tre donne in particolare negli anni Sessanta diedero un prezioso contributo alla corsa allo spazio americana: Katherine Johnson, Mary Jackson e Dorothy Vaughan. Tre donne formidabili Mary Jackson fu la prima donna ingegnere della NASA. Katherine Johnson che aveva completato gli studi al college all’età di 18 anni, si occuperà dei calcoli per le traiettorie, le finestre di lancio e le rotte di ritorno per i primi ...
Pocahontas, tra mito e storia
Personaggi, Storia, Storia Moderna

Pocahontas, tra mito e storia

La storia di questa nativa americana è ammantata nell’alone della leggenda, soprattutto per quello che riguarda i primi anni della sua breve vita. Una grande popolarità nell’immaginario collettivo è dovuto al film omonimo della Disney del 1995, quello che secondo il canone ufficiale è considerato il 33° classico Disney. Pocahontas i cui veri nomi erano Matoaka e Amonute era la figlia di  Wahunsunacock (conosciuto anche come Powhatan) Capo della Confederazione Powhatan, un’alleanza di circa 30 gruppi di lingua algonchina a Tidewater, Virginia. Pocahontas era un soprannome infantile che nella lingua powhatan significa “piccola svergognata” e fa capire quindi il carattere esuberante della giovanissima nativa. Di sua madre non sappiamo praticamente niente, forse potrebbe essere mo...
“Cavalleria rusticana”,  la rivoluzione del melodramma
Cinema, Libri e Musica, Personaggi, Storia della Musica

“Cavalleria rusticana”, la rivoluzione del melodramma

Pietro Mascagni nasce a Livorno, in Piazza delle Erbe il 7 dicembre 1863, dedicatosi agli studi musicali – contro la volontà del padre – segue gli insegnamenti di Alfredo Soffredini, fondatore dell'Istituto Musicale Livornese (in seguito dedicato a Mascagni), dove studiò in particolare, armonia e contrappunto. La vittoria di un outsider Il giovane livornese poi tenterà a Milano l'avventura al Conservatorio sotto gli insegnamenti di Amilcare Ponchielli, all'epoca famoso compositore e direttore d'orchestra. Mascagni condivise una stanza in affitto con Giacomo Puccini, di cinque anni più grande di lui. La sua specializzazione incontrò però molte difficoltà tanto che nel 1885 abbandonò il Conservatorio senza terminare gli studi. Lo ritroviamo nel luglio del 1888, al...
La leggenda di Antenna 3 Lombardia
Personaggi, Società

La leggenda di Antenna 3 Lombardia

Tra la fine degli anni Settanta e il successivo decennio la televisione italiana pullula di piccole emittenti locali ma è sostanzialmente dominata dalla televisione di Stato, la RAI e il nascente monopolio privato delle televisioni berlusconiane. Si tratta di una competizione che ha poco di innovativo, i palinsesti e i format sono essenzialmente quelli proposti dalla paludata, tradizionalista e lottizzata RAI, replicata in chiave commerciale, edonista e rutilante da quella che sarebbe diventata Mediaset. La vera rivoluzione nel linguaggio televisivo, ma anche nel marketing pubblicitario e nell'innovazione è patrimonio di una realtà locale lombarda, nata con il nome di Canale 3 Lombardia, presto mutato in Antenna 3 Lombardia. Il fondatore Colui che renderà poss...
C’era una  volta la Tv: Enzo Trapani, l’innovatore
Personaggi, Società

C’era una volta la Tv: Enzo Trapani, l’innovatore

Il varietà è stato per molti decenni il "piatto forte" della televisione generalista. Il genere è stato codificato inizialmente in RAI, durante la lunga era monopolista del Servizio Pubblico e poi adottato anche dalle televisioni commerciali quando sono caduti i vincoli di esclusiva della televisione di Stato. Se possiamo parlare di "padri fondatori" del varietà, due sono i nomi che ne hanno fatto la storia, codificato i canoni e attuato profonde sperimentazioni, i registi Antonello Falqui ed Enzo Trapani. Il primo è se così possiamo definirlo il Principe dell'ortodossia del varietà, Enzo Trapani è stato senz'altro il più radicale e geniale innovatore del genere, segnando un'epoca dove la libertà espressiva in RAI aveva raggiunto punte mai più eguagliate. Un innovator...
Miracolo ad Atene:  il volo Olympic Airways 411
Personaggi, Storia

Miracolo ad Atene: il volo Olympic Airways 411

9 agosto 1978. La Grecia è uscita da circa quattro anni dalla feroce "dittatura dei colonnelli", il turismo di massa muove i primi passi attratto dalle bellezze storiche e paesaggistiche del paese e favorito, dall'abbassamento dei costi dei voli aerei transcontinentali. Il risultato è che lo scalo Ellinikon di Atene è un crocevia di aerei e passeggeri davvero impressionante. Uno degli aerei simboli di questa fase espansiva di movimentazione di passeggeri è l'enorme Boeing 747, uno dei velivoli iconici dell'aviazione civile. Il catino ellenico Alle ore quattordici di quel 9 agosto 1978, uno di questi aerei, un Boeing 747-200 della compagnia di bandiera greca, l'Olympic Airways, sta attendendo dalla torre di controllo l'ok per il decollo. Il capitano, l’esperto Sifis M...
Ronnie Spector, la “bad girl” del  rock
Personaggi, Storia della Musica

Ronnie Spector, la “bad girl” del rock

Ci sono canzoni che hanno segnato un’epoca e che sono diventati il marchio pressocchè distintivo dell’artista che le ha scritte o interpretate.E’ il caso di “Be my Baby” scritta da Phil Spector insime a Jeff Barry ed Ellie Greenwich, registrata nel 1963 e diffusa nell’agosto del 1964. La canzone che ebbe un successo imprevedibile, tanto da piazzarsi in seconda posizione nella Billboard 100, fu interpretata da un trio tutto al femminile, The Ronettes. La nascita della band Tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni dei sessanta, i gruppi vocali al femminile erano sulla cresta dell’onda ma pochi ebbero il successo clamoroso quanto effimero delle Ronettes.Il gruppo si era costituito nel 1957 grazie a Veronica Bennett con una prima formazione che comprendeva cinque ragazze ...
Una giornata a Vienna di Thomas Mann
Libri, Personaggi

Una giornata a Vienna di Thomas Mann

Nel 1913 il grande romanziere tedesco, all’epoca trentottenne, ha da poco terminato e pubblicato il romanzo breve “La morte a Venezia”. Il suo matrimonio con  Katharina Pringsheim (Katia), una giovane laureata in chimica, figlia del grande matematico Alfred Pringsheim e nipote della propugnatrice dei diritti della donna Hedwig Dohm, dalla quale avrà sei figli è entrato in una profonda e fredda crisi dopo la pubblicazione de “La morte a Venezia”. Un matrimonio in crisi Katia non ha impiegato molto a capire che il protagonista del romanzo Gustav von Aschenbach folgorato da un’infatuazione omossessuale per il giovanissimo Tadzio non è nient’altro che l’alter ego di Mann. Katia scriverà in seguito che l’idea della storia nacque durante una vacanza che fece nella primavera del 1911 c...
Verified by MonsterInsights