domenica, Aprile 21

Il Natale in….fumetti!

Anche il mondo delle nuvole parlanti ha dedicato decine di storie e centinaia di tavole al Natale, declinando storie in tutti i generi possibili, dal noir alla commedia. Senza alcuna pretesa di esaustività in questo articolo segnaleremo alcune delle opere in chiave natalizia più interessanti.

Il Natale Disney

Non possiamo non iniziare dal mondo Disney che in fatto di storie natalizie ha una lunga e consolidata tradizione. Anche nel 2023 ci viene offerta una raccolta di storie natalizie pubblicate nel corso degli anni in occasione della festa più amata, in un volume cartonato da collezione.. Diversi autori portano in scena cinque personaggi alle prese con regali, cenoni, slitte e incontri ravvicinati con il protagonista assoluto di questa ricorrenza: Babbo Natale in persona.

Anche la serie regolare di Topolino, festeggia come da tradizione, il Natale con il numero 3552, che ad iniziare dalla bella cover è tutta un tripudio alla magica atmosfera natalizia.

Per quanto riguarda i “classici” delle storie natalizie, una menzione speciale spetta a “Zio Paperone e la magia del Natale”. Il soggetto di Fabio Michelini è ispirato alla fiaba Il gigante egoista di Oscar Wilde e vede come protagonista il burbero papero miliardario. Seguendo lo schema del metaracconto, la storia coinvolge tutti i personaggi, villain compresi, dell’universo Disney e si conclude con l’inevitabile happy ending, chiosa indispensabile ad ogni racconto natalizio che si rispetti.

Il Natale di Zerocalcare

L’interpretazione del Natale di Zerocalcare è di tutt’altro genere. Scordatevi buoni sentimenti, atmosfere ovattate e luminarie scintillanti, bontà zuccherosa. Nel suo “A babbo morto” folletti e troll sono sfruttati da un perfido Babbo Natale, la Befana non è da meno e nel mezzo c’è pure l’omicidio di Gaetano, un folletto trovato morto in circostanze oscure.

Il Babbo Natale guerriero di Morrison

Rimanendo ad interpretazioni “altre” del canone tradizionale natalizio, Grant Morrison, autore irriverente, ci propone un reame, quello di Grimsivg, dove i regnanti e il loro malvagio consigliere proibiscono ogni forma di divertimento e gioco, sottoponendo i cittadini ad angherie e soprusi. Con l’aiuto di una lupa e di alcuni spiriti misteriosi, starà a Klaus, un guerriero nerboruto e che va molto per le spicce, ripristinare lo spirito del Natale in modo tutt’altro che pacifico.

Il Natale di Alan Ford

Il numero 196 di Alan Ford, firmato da Magnus e Bunker, ci propone una storia che fa a cazzotti con lo spirito natalizio. Alan e Bob Rock sono chiamati per far di tutto, pur di bloccare chi vuole vietare la tradizione dell’albero di Natale. E questa “licenza di uccidere” viene presa alla lettera dai due agenti, che compiono una sfilza di nefandezze pur di preservare il diritto di fare il tradizionale albero di Natale.

Il Natale di Batman

Un Canto di Natale” di Charles Dickens ha ispirato innumerevoli versioni cinematografiche, televisive, animate e naturalmente a fumetti. Una di queste è proposta dalla DC Comics e riguarda l’Uomo Pipistrello. Lungo la strada che lo porterà in varie epoche, Batman deve fare i conti con il suo passato, presente e futuro mentre combatte i criminali dagli anni ’60 ad oggi. Tra i personaggi compaiono Robin, Catwoman, Superman, il Joker e tanti altri alleati e nemici. Lee Bermejo scrive e disegna “Noel”, un volume assolutamente da non perdere.

Il Natale dei Super Eroi Marvel

Anche la Casa delle Idee ha scritto negli anni innumerevoli storie ambientate durante il periodo natalizio, piuttosto che citarne una o l’altra, preferiamo segnalare un volume, pubblicato dalla Panini, che propone una selezione delle migliori storie natalizie uscite dal 1976 a oggi! Spiderman, Punisher, Thor, gli X-Men ed altri appaiono nel cartonato intitolato “Natale con i Super Eroi“.

Natale in Casa Bonelli

Non potevamo concludere questa breve rassegna senza citare alcuni degli albi natalizi della Sergio Bonelli Editore, la più importante casa editrice del fumetto italiano. Iniziamo da uno degli albi più recenti, lo Speciale Tex Willer del 2020, “Fantasmi di Natale” che ci propone nell’ambientazione suggestiva dei selvaggi e disabitati monti Uintah, un’avventura nella quale alcuni desperados, una ragazza prigioniera e storie di fantasmi raccontati intorno al fuoco di una baracca, tratteggiano un’atmosfera natalizia del tutto particolare.

Dal genere western a quello noir, ecco il Natale declinato da Julia, nell’albo 51 del dicembre 2002, “Natale Rosso Sangue”. A turbare lo spirito natalizio di Garden City, sono tre Santa Klaus particolarmente intraprendenti nell’arte della rapina a mano armata. Sulle tracce del singolare terzetto si mette Julia, assistita da un bizzarro barbone filosofo, Mosby.

Il Natale si tinge di horror invece con il numero 237 di Dampyr (gennaio 2020). Ogni notte di Natale, i demoniaci servitori di San Nicola invadono i caratteristici e innevati borghi del nord Italia. Sophie Mutter dell’Università di Friburgo e il suo fidanzato sardo Angelo Sanna indagano sul folklore altoatesino. Uomini mascherati o mostri? A mettere a posto le cose e risolvere il mistero ci penserà Harlan Draka, il Dampyr.

Continuiamo questa incompleta carrellata del Natale in salsa Bonelli, con la fantascienza, che ha per protagonista una delle due eroine principali della casa editrice di via Buonarroti, Legs. Nel numero 61 del dicembre 2000, la testata ci regala un albo dal titolo che è tutto un programma: “Racconto di Natale”. Le avventure a fumetti di Legs, pubblicate dalla Adventure Comics del signor Miller, stanno perdendo lettori. Quando Legs si reca alla Casa editrice per narrare le sue ultime gesta (una missione di protezione per Alabama Monroe e suo figlio Tim, minacciati dall’ex marito Kevin Kean), Miller le spiega i meccanismi narrativi che intende adottare per rilanciare la serie.

Il Natale secondo Zagor

Concludiamo questa incompleta carrellata con uno dei più amati personaggi bonelliani, Zagor, lo Spirito con la Scure. Qui occorre risalire ad un classico, il numero 54 del dicembre 1969, firmato dal “papà” del Signore di Darkwood Guido Nolitta e illustrato da uno degli storici disegnatori di Zagor, Franco Donatelli: “Natale calibro 45”.

È il 24 dicembre a Lonely Town, un piccolo borgo a nord di Darkwood. Ma quello che sta arrivando sarà un Natale davvero speciale. Mister Hopkins, il padrone della banca del paese, ha infatti ingaggiato un gruppo di cantanti, i Singing Santa Claus. Che però non porteranno la gioia e la serenità che tutti si aspettano, dato che dai loro sacchi, al posto dei doni, tireranno fuori minacciose pistole!

Buon Natale a tutti gli appassionati di fumetti!

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights